Il grande mondo ideale di Shrek… A Nichelino

Dopo il successo ottenuto dalle rappresentazioni al Teatro Don Bosco di Rivoli, al Teatro Concordia di Venaria Reale, in collaborazione con l’Avis e al Teatro Colosseo di Torino, in collaborazione con l’Associazione per la Prevenzione e la cura dei Tumori in Piemonte – Onlus, la Compagnia Teatrale Amatoriale Nonsoloimprovvisando torna sul palco sabato 3 febbraio, orgogliosa di presentare la commedia musicale:  Il Grande Mondo Ideale di Shrek”.

Lo spettacolo racconta la storia del più famoso orco delle fiabe…“Di giorno in un modo, di notte in un altro, questa sarà la norma…” così inizia l’incantesimo che ha colpito la bella principessa Fiona, costretta a vivere in una torre sorvegliata da un drago, fino al momento in cui arriverà un vero eroe a salvarla…non un cavaliere con il suo nobile destriero, ma l’Orco Shrek ed il suo loquace compagno di viaggio Ciuchino; a loro il compito di accompagnare la principessa al cospetto di Lord Farquaad, un signorotto locale pieno di sé con un unico scopo: quello di diventare re. Il burbero orco, per tornare a vivere nel suo grande mondo ideale, dovrà, con l’aiuto del suo amico, portare a termine il compito affidatogli, affinché Farquaad mantenga la promessa di liberare la palude in cui vive Shrek, occupata dai bizzarri ed alquanto ingombranti “personaggi delle fiabe”, ma gli imprevisti lungo il cammino accadono, si sa…perché è proprio lì, nelle fiabe che c’è nascosta un po’ di verità!

Il costo del biglietto è di euro 12,00 intero, euro 8,00 ridotto (dai due ai dieci anni e sopra i 65 anni), per info e prevendita: info@nonsoloimprovvisando.itwww.nonsoloimprovvisando.it

La compagnia Nonsoloimprovvisando ha voluto, inoltre, arricchire la storia di Shrek, dando vita all’inedito prequel dal titolo “Shrek…come tutto ebbe inizio”, che il pubblico potrà seguire su Facebook e Youtube. In questa web serie, si raccontano le storie dei singoli personaggi delle fiabe alla ricerca del loro lieto fine, fino al momento in cui giungono nella palude dell’orco, dando origine a questa magnifica favola.

Il Presidente dell’Associazione
Marianna Bornesco